Nel nostro forum potrai confrontarti liberamente ed in maniera anonima con noi ed altri tuoi coetanei. Non trovi quello che cerchi? Crea un topic, o contattaci direttamente dalla pagina  “Scrivici“.

 

LEGGI QUI 
⇓       ⇓       ⇓

Per poterti garantire il buon funzionamento di questo forum, ti chiediamo di inserire un nickname in modo da permetterci di darti l’appoggio di cui ha bisogno. Crearti un account serve esclusivamente a fare in modo che i tuoi messaggi vengano firmati con il tuo nickname e non come “ospite”.

Per creare un account inserisci semplicemente nickname ed indirizzo e-mail, ed aspetta il messaggio di conferma nella tua posta elettronica per confermare il tuo account ed impostare una password.

Non vuoi inserire la tua e-mail personale? Nessun problema! 
Per creare una finta e-mail segui le indicazioni che seguono: ci vorranno 2 minuti.

Come iscriversi anonimamente al forum

 


Devi accedere per creare messaggi e discussioni.

Di nuovo "bullismo"?

Buongiorno a tutti.
Non sapevo dove scrivere questo topic perché ciò di cui voglio parlarvi non rientra nelle categorie del forum, quindi ho preferito inserirlo qui.

Due settimane fa ho cominciato un corso di formazione in cui ci sono quasi tutte persone più piccole di me e che sono per la maggior parte maschi. Io mi sto trovando male con alcune di queste e soprattutto con dei "ragazzini". Infatti questi si divertono a prendermi in giro quando chiedo un'informazione all'istruttore e quando cerco di socializzare con l'altra parte del gruppo.

Questo mi da molto fastidio perché mi sembra di essere tornata a scuola quando ero presa di mira dalla maggior parte della classe e questa sensazione non mi piace.

Il corso sta per finire, per fortuna, però sono stufa che questo problema si ripresenti praticamente ogni volta che inizio un nuovo corso e mi rapporto con persone più piccole di me e che sono di sesso maschile. Non ho problemi con dei ragazzi della mia età ne con le ragazze mie coetanee ne più grandi, "solo" con quella fascia d'età che arriva fino ai 24/25 anni.

Trovo sempre qualcuno che mi prende in giro dopo pochi giorni di corso e questo mi fa sentire frustrata soprattutto perché non ho il coraggio di reagire per paura della reazione altrui, quindi tendo a stare zitta e a subire e questo mi rovina la piacevolezza nel frequentare il corso.

Pertanto chiedo a voi Volontari se potete darmi una mano a capire come posso comportarmi con questi "ragazzini" che si divertono a prendermi in giro perché non riesco a farmi valere ma nemmeno a dire loro quello che penso e/o provo quando si comportano così con me.
Mi piacerebbe apprendere un approccio graduale, non veloce e pesante... Questo anche in vista di un futuro lavorativo/formativo in azienda.

Intanto rimango in attesa di un vostro riscontro, vi saluto e vi auguro una buona giornata.

Il problema si è risolto spontaneamente perché il corso è finito e io avevo intenzione di portarlo a termine anche se volevo lasciarlo. Ho paura di ritrovarmi in una situazione così durante il tirocinio e di non saperla risolvere/farci fronte. Volontari, rispondete per piacere? O anche voi lettori per favore 🙂

Ciao!
Ti ringraziamo per averci scritto e ci scusiamo per il ritardo della risposta. Innanzitutto sei stata bravissima a terminare il corso nonostante i "bulletti", questo dimostra che sei una persona determinata e forte.
Hai idea del perché ti prendano in giro? A prescindere dalle motivazioni è sempre importante far sentire la propria voce in queste circostanze. Per esempio potresti parlarne senza vergogna con l'istruttore e con le persone del gruppo con cui hai legato. Loro possono essere un primo sostegno per affrontare la situazione. Che ne pensi?
A presto

Ora il corso è finito e non hanno più possibilità di prendermi in giro, almeno non direttamente con me. Quindi come dicevo sopra, il problema si è anche risolto da solo.
In effetti sono stata determinata a finire il corso perché era un mio obiettivo che volevo raggiungere nonostante loro.
Di solito le persone mi prendono in giro perché si vede la mia fragilità da lontano anche se sono socievole e parlo spesso per prima quando un istruttore fa delle domande al gruppo del corso in cui sono in quel momento. Quindi i vampiri energetici vedono che sono ipersensibile e si prendono le mie energie sapendo che vedo e sento il loro modo di fare manipolativo. Per esempio possono fare i simpatici con me, poi offendermi o farmi sentire inferiore (come se non mi sentissi già così per conto mio) e poi darmi una mano a fare qualcosa e io come una sciocca apprezzo il loro gesto, poi possono tornare a prendersi gioco della mia sensibilità e voglia di armonia per poi darmi il colpo di grazia finché non voglio andarmene via dal corso in cui sono in quel periodo.

Ne ho parlato con un'istruttrice del mio corso, però al termine di questo, quindi mi è servito a poco. Intanto mi ero isolata e alle pause stavo sempre da sola. Eravamo in 10 e più o meno tutti mi stavano antipatici e penso che ricambiassero questo mio sentire. Quindi non avevo alleati a parte gli istruttori, come è quasi sempre stato anni fa durante le scuole... Magari non è poco ma EVITARE di essere SEMPRE vittima di bullismo/mobbing mi farebbe piacere.

Quindi, come si fa a dire in faccia a chi ti sta provocando per ferirti che ti sta dando fastidio/urtando i nervi/facendo soffrire e che non lo faccia più? Indipendentemente dall'età della persona che ti sta attaccando (non parlo di bambini in questo caso, che con loro ci vogliono altre maniere per educarli).

Ciao! Scusa per il ritardo, non ho visto la notifica. Il mio consiglio è quello di cercare di intraprendere i nuovi corsi o comunque le nuove occasioni di socializzazione facendo un passo alla volta. A volte è molto utile, prima di parlare, osservare le altre persone e capire se sono aperte ad altri punto di vista oppure no. Dire sempre la propria opinione a volte puo essere controproducente, si può riflettere su dei temi facendosi delle domande internamente e dopodiché chiedere chiarimenti all’istruttore in separata sede. Agli altri potrebbe ‘seccare’ una persona che fa molte domande. Questo non toglie il comportamento sbagliato che hanno loro nel prenderti in giro, ma a volte bisogna riflettere su quello che facciamo noi per evitare alcune situazioni... Per il resto ti consiglio di guardare alle cose che ti fanno stare bene, di pensare alle persone che ti vogliono bene per come sei e andando oltre quando qualcuno ti punta il dito contro! Spesso la sofferenza deriva da come noi reagiamo, in questo caso alle prese in giro. Cosa ne pensi?